Gigli di S. Antonio.

Inviato da:

Certo lo sappiamo, non è ancora ora di mettere a dimora i bulbi, in genere per questa operazione si occupa gran parte dell’autunno o della primavera. Ma per il Lilium Candidum, ovvero il giglio di S. Antonio l’epoca migliore è proprio questa. Si interrano a 8-10 cm di profondità, preferibilmente in gruppi numerosi, e se in compagnia di perenni, in posizione arretrata, perché l’altezza dei suoi fiori è di tutto rispetto anche 150 cm. E’ una specie rustica che nel ...

Leggi tutto →
0

Eryngium.

Inviato da:

A qualche assiduo frequentatore della montagna, magari durante una bella escursione estiva nelle Alpi Marittime sarà sicuramente capitato di rimanere quasi “abbagliato” dai grossi capolini blu metallico d’una specie appartenente alla famiglia delle Apiacee e dal portamento regale corredato di spine. Si tratta di una delle più ambite piante alpine, l’Eryngium alpinum. Sono molti coloro che senza remore ne colgono i fiori, pur sapendo che si tratta di specie ormai rara. Meglio sarebbe averne alcune specie e cultivar simili nel ...

Leggi tutto →
0

Papaver esuberanti.

Inviato da:

Sono sempre molto appariscenti nei loro toni rossi, carminio, rosa, bianchi, scarlatti, arancio ecc, ma anche decorativi per le prominenti capsule di semi a fine fioritura e prima di questa nei loro boccioli gonfi che sembrano scoppiare di energia vitale. La specie più comune è il P. orientale, oggi commerciato in tantissime varietà come: “Beauty of Livermere”, alto fino ad un metro, rosso scuro in giugno-luglio, oppure il “Pizzicato” premiato con l’ambita medaglia d’oro del Fleur Select in molte colorazioni ...

Leggi tutto →
0

Bergenia.

Inviato da:

Tutte le nonne ricordano le bergenie, quelle che stavano in lunghe file all’entrata di quasi tutte le case di campagna, delle ville e talvolta nelle cascine più ispirate, di loro non si può che dire del bene. Sono forti verso ogni elemento, anche se il gelo di gennaio può danneggiare qualche foglia, in aprile verrà sostituita in breve tempo. Saxifragaceae dalla fioritura piuttosto precoce, talvolta anche nella prima settimana di marzo, si accontentano di una posizione soleggiata ma anche di ...

Leggi tutto →
0

Bucaneve per iniziare.

Inviato da:

Non vi è dubbio che  i fiori molto precoci destano l’interesse del giardiniere appassionato come e più di altre affascinanti corolle che però sbocciano quando tutto o quasi è disponibile. L’umile bucaneve per esempio, è uno dei primissimi e colora il sottobosco quando ancora il ghiaccio non ha deciso a mollare la presa e talvolta la neve si dilunga sui pendii freddi della collina. Il bucaneve, a cui poco importa della temperatura, ha il suo orologio biologico che gli suggerisce ...

Leggi tutto →
0
Pagina 3 del 3 123