effetto pom

 

La Valle Pesio è una delle innumerevoli valli della provincia di Cuneo, è situata tra la Valle Ellero e la Valle Vermenagna. Per la sua particolare conformazione, gli inverni sono rigidi ma brevi e le estati calde ma non afose. Tutta la vallata fa parte del comune di Chiusa di Pesio essendo lunga appena 15 Km. Nonostante ciò è una bellissima vallata, soprattutto molto verde e ricca sia di vegetazione che di animali selvatici e da Settembre a Novembre molto frequentata per la raccolta dei funghi. La vallata inizia con la frazione Santa Maria Rocca e Combe.

 

fungo
fondovalle1-anteprima

 

Proseguendo in direzione Chiusa di Pesio, si potrà ammirare uno splendido paesaggio che da collinare comincia a diventare montuoso. Da Chiusa di Pesio, inizia anche il Parco Alta Valle Pesio ora Parco del Marguareis, istituito nel 1978, entro il quale non è strano incrociare molte specie di animali selvatici quali il camoscio, il capriolo, il cinghiale e varie specie di uccelli rapaci quali  l’aquila, il falco, lo sparviero, il gheppio. Elusivi ma presenti sono anche i lupi, essendo la Val Pesio una delle prime valli dell’arco alpino ri-colonizzate da questo fantastico animale.

 

val pesio nella nebbia 001-2

 

Da Chiusa di Pesio si può fare una bella passeggiata al villino di caccia del Mombrisone da dove si può ammirare Chiusa di Pesio dall’alto…

 

   MOMBRISONE 3

…Oppure proseguire lungo la strada che porta prima alla frazione Vigna e poi alla frazione San Bartolomeo dove si può trovare la pista di sci di fondo e la nuovissima pista di pattinaggio sul ghiaccio.

Proseguendo si giunge alla Certosa di Pesio, luogo di preghiera e di silenzio, fondata nel 1173 dai certosini grazie ad una donazione di terre da parte dei Signori di Morozzo.

certosa

(foto ALFREDO BRUZZONE www.rifugiopiandellegorre.it)

ORARIO DI APERTURA: Tutti i giorni alle: 9.00 – 12.00 e 14.30 – 18.00

Lungo la strada che porta al Pian delle Gorre  è visibile una imponente gradinata che conduce al Cimitero Partigiano, inaugurato nel 1946.

Proseguendo, il paesaggio diventa sempre più montuoso, i boschi costeggiano la strada e numerose aree attrezzate per la sosta sono dislocate ai lati per ammirare il paesaggio o per un pic-nic con di sottofondo lo scrosciare del Pesio; il torrente da cui prende il nome la vallata.

camoscere           FOLIAGE VAL PESIO

Ed eccoci arrivati al Pian delle Gorre, da dove si può ammirare il massiccio del Marguareis (m 2651) e rifocillarsi al rifugio del Pian delle Gorre.

 

PIAN DELLE GORRE

 

Una bella passeggiata da fare, è quella che porta al “piss” del Pesio. In maggio e giugno, attraverso un sifone sotterraneo, da un’alta nerastra parete sgorgano getti alti una ventina di metri: è l’acqua della fusione delle nevi immagazzinata nell’esteso sistema in profondità.

 

pis del pesio

 

(foto ALFREDO BRUZZONE www.rifugiopiandellegorre.it)
Per i più esperti non mancano percorsi più impegnativi con camminate di alcune ore, ed inoltre per gli amanti della speleologia, il massiccio del Marguareis ospita fenomeni carsici molto estesi con grotte, pozzi e caverne talvolta percorsi da torrenti sotterranei.

 

marguareis 1

(foto ALFREDO BRUZZONE www.rifugiopiandellegorre.it)